Archivio per la categoria ‘ferrovie dimenticate’

10847442_225415210962578_4820477843950138284_o

 

 

programma 2014

 

Carissimo lettore, quella che hai tra le mani non è la pubblicità di un gelato, né un vecchio opuscolo risalente agli anni del boom economico, né una promozione che ti induce ad acquistare un prodotto qualsiasi che non ti servirà mai.

Quella che hai tra le mani è la programmazione estiva dello “spazio più arrazzante del centro-sud, compà!”. Zona 22 non è soltanto uno spazio, è la fine di qualsiasi illusione costruita sul nulla, è l’inizio del desiderio costruito sulla voglia di rivalsa, sulla possibilità che ognuno di noi cerca, sulla socialità di cui ognuno di noi necessita. Di fianco a noi vediamo la crisi, la disoccupazione, le parole vomitate dai telegiornali sui cibi inquinati che mangiamo, sulle acque contaminate che beviamo, ma la nostra resistenza a questo mondo inizia dalla nostra felicità, che quotidianamente siamo costretti a rubare.
Carissimo lettore, chiudersi in casa per pensare alla prossima bolletta da pagare non ti salverà da Equitalia, perciò prenditi questo opuscolo, segna le date che più ti piacciono e senza pensieri potrai ascoltare della buona musica, riflettere sul salotto-esterno preparato per gli incontri di letteratura e assistere a del buon teatro, senza il limite di dover pensare al portafogli che non hai, perché tutti gli eventi sono TOTALMENTE GRATUITI. Per questo unisciti a “chi vive in baracca, chi gioca d’azzardo, chi ama l’amore e i sogni di gloria, tanto il cielo è sempre più blù”.

ZONA 22

10414543_10204465544627010_8389269815152316324_n

 

IL COORDINAMENTO NAZIONALE NO TRIV A CROTONE 12 E 13 LUGLIO

La discutibile politica energetica seguita dal Governo Renzi, incline ad un rilancio delle fonti convenzionali ed alla riproposizione di un modello di sviluppo economico che, di fatto, favorisce quasi esclusivamente gli interessi delle Multinazionali del petrolio, sarà al centro dell’appuntamento estivo organizzato dal Coordinamento Nazionale No Triv per il 12 ed il 13 Luglio prossimi a Crotone.

Si tratta del II° incontro annuale, che segue la nascita del Coordinamento avvenuta a Pisticci Scalo nel Luglio del 2012.

Molti i temi all’ordine del giorno: gli esiti della Commissione internazionale Ichese sulle relazioni tra attività sismica ed attività di estrazione degli idrocarburi; la riforma del Titolo V della Costituzione; la futura legge sulla disciplina degli idrocarburi liquidi e gassosi; la mega frana marina scoperta di recente nei pressi di Crotone. Dopo l’ Assemblea plenaria con i rappresentanti presenti di altri movimenti per che si terrà Sabato 12 dalle 17,30 alle 21 su“Difesa dei Beni Comuni e revisione della Costituzione”,

 

presso i giardini ed i musei di Pitagora

 

Domenica 13 Luglio, a partire dalle ore 9,00, i soggetti e le associazioni aderenti al Coordinamento Nazionale No Triv faranno il punto della situazione, sia in riferimento alle politiche energetiche europee e nazionali, sia su specifiche questioni relative al proprio territorio di provenienza.

Importante sarà discutere e decidere su quale struttura e quali forme di organizzazione si vorrà dotare il Coordinamento Nazionale No Triv per sviluppare con maggiore incisività le proprie attività. Sarà utile in tal senso individuare i referenti regionali per lo svolgimento delle diverse attività del Coordinamento (cura dei comunicati stampa, studio dei procedimenti che interessino la singola Regione, formazione, azioni legali, organizzazione delle mobilitazioni, conduzione delle campagne informative, autofinanziamento). Cruciale sarà discutere della proposta di legge nazionale sugli idrocarburi liquidi e gassosi e di quale metodologia seguire.

 

Dopo una relazione informativa sulla mega frana marina scoperta di recente nei pressi di Crotone e sui progetti petroliferi che interessano il Mar Ionio, si metteranno a confronto le esperienze e le proposte di mobilitazione, proponendo di partire dal seguente ordine del giorno :

 

1)      Organizzazione di una campagna informativa e di opposizione alla bozza Renzi di revisione del Titolo V della Costituzione

2)      Istituzione di un Gruppo di lavoro di studio sulla SEN per l’elaborazione di proposte alternative sulle rinnovabili, per il monitoraggio delle matrici dell’acqua, dell’aria, del suolo, etc.

3)      Organizzazione di una manifestazione nazionale da tenersi entro il prossimo autunno contro le “grandi opere” ed in favore dei “beni comuni”, in collaborazione con altri movimenti: es. No TTIP, No Carbone, No Enel, No Grandi Navi, No Tav, No Nuke, No Muos, No Tap, Rifiuti Zero Combustione Zero, Forum Nazionale per l’Acqua Pubblica, etc.

Alle ore 13 seguirà il pranzo sociale.

 

Ognuno di noi è bene che all’incontro cerchi di invitare e far partecipare quanti più comitati e persone possibili. Rafforzare le idee e le proposte del Coordinamento vuol dire dargli gambe ed energie organizzative crescenti!

 

PER LE ADESIONI SI PREGA DI COMUNICARE CON CELERITA’ NELLA MAILING LIST.

PER LE PRENOTAZIONI DEI POSTI LETTO COMUNICARE CON PINO GRECO (cell 380.3638589, e-mail fabbrikandolavvenire@libero.it), CHE STA PREDISPONENDO LA LOCATION DELL’INCONTRO A CROTONE ED HA I CONTATTI CON I B&B DEL LUOGO.

 

SINTESI ROGRAMMA:

 

Sabato, 12 luglio

 

Ore 17.30 – Iniziativa pubblica su “Difesa dei Beni Comuni e revisione della Costituzione”

Ore 21.00 – Cena sociale

 

Domenica, 13 luglio

 

Ore 9.00 – Assemblea del Coordinamento Nazionale No Triv

Ore 13.00 – Pranzo

 

Per info e adesioni:

 

fabbrikandolavvenire@libero.it Pino Greco – 380.3638589

coordinamentonotriv@gmail.com

disalvatoreenzo@hotmail.com

 

947038_188064231352331_1122279014_n

Al via l’edizione 2014 di “Cammina per il Parco”.

 

Si rinnova l’appello delle associazioni e dei cittadini per l’istituzione del Parco Nazionale della Costa Teatina

 

Giovedì 26 a Francavilla al Mare in località la Sirena prende il via “Cammina per il Parco” edizione 2014 per raggiungere, in quattro tappe, il Biotopo di San Salvo marina. Organizzato dalla Costituente per il Parco Nazionale della Costa Teatina la manifestazione ha l’obiettivo di percorrere la costa teatina, camminando lungo l’ex tracciato ferroviario, per raccogliere dati sulla flora e sulla fauna del litorale, lungo quello che dovrebbe diventare il Parco Nazionale della Costa Teatina. L’intero percorso verrà effettuato, come lo scorso anno da Marco Terrei, Andrea Natale e Lino Salvatorelli, volontari del WWF e dell’ARCI ma tutti coloro che vorranno potranno aggiungersi e vivere per mezza giornata, per un intera tappa o anche per l’intero tratto l’esperienza dell’escursione naturalistica.

 

Con la macchina fotografica e la telecamera, osserveranno il territorio cercando di cogliere i cambiamenti che hanno interessato quest’area dallo scorso anno ad oggi. Osserveranno le diverse attività che insistono sulla Costa; operatori della pesca, traboccanti, gestori di bar e bed & breakfast, venditori ambulanti e gestori di stabilimenti balneari, questi esprimeranno le loro opinioni su un territorio che da anni aspetta un Parco che li unisca sotto un unico marchio e dia loro quella opportunità che altrove produce ricchezza. Ovunque le aree protette muovono intesi flussi finanziari attraverso la valorizzazione delle risorse naturali e una attenta programmazione dello sviluppo del territorio in armonia con le peculiarità di quest’ultimo. La capacità di intercettare le poche risorse disponibili dovrebbe essere la prerogativa di una classe politica che finora non ha saputo dare le giuste riposte al tessuto economico-sociale che invece è stato volutamente spaccato tra pro parco e contro, di fonte alla possibilità di completare l’iter procedurale di istituzione del Parco. La valorizzazione dei prodotti agricoli locali come olio, vino e frutta e la creazione di una rete di punti accoglienza incrementerà la possibilità di accogliere ospiti da ogni regione d’Italia o da altre nazioni al fine di ridare vitalità a questo territorio a vocazione agricola ove le piccole dimensioni delle attività imprenditoriali sono la normalità. Nella edizione 2013 Cammina per il Parco ha rilevato le condizioni dell’ex tracciato ferroviaria ponendo l’accento sul fatto che l’erosione marina sta mettendo in pericolo la futura Via Verde e che interventi di ingegneria naturalistica saranno necessari per poterla rendere fruibile alle numerose persone che aspettano di potervi passeggiare a piedi, in bici piuttosto che a cavallo. Un ulteriore aspetto che verrà analizzato sarà la condizione degli accessi a mare, nella maggior parte dei casi realizzati abusivamente, presenti lungo le spiagge.

 

 

PROGRAMMA DELLA MANIFESTAZIONE

 

26 giugno ore 09:00/09:30 partenza da Francavilla al mare, dal pontile di Palazzo Sirena. Arrivo a San Vito marina (presso lo spazio di Zona 22), dopo aver camminato per 22 chilometri;

 

27 giugno ore 09:00/09:30 partenza dal molo di San Vito marina. Arrivo a Torino di Sangro, al Centro Visite Riserva Naturale Regionale “Lecceta di Torino di Sangro, dopo 15 chilometri;

 

28 giugno ore 09:00/09:30 partenza dalla Riserva Naturale Regionale “Lecceta di Torino di Sangro ed arrivo al Centro Visite Riserva Naturale di Punta Aderci (19 chilometri);

 

29 giugno ore 09:00/09:30 partenza dalla Riserva Naturale di Punta Aderci e arrivo a San Salvo marina, presso il biotopo costiero – Osservatorio Mediterraneo.

 

 

Costituente per il Parco Costa Teatina

Associazione WWF Zona Frentana e Costa Teatina

Associazione Arci Abruzzo

 

 

OSTELLO VACATION

Vorresti andare in vacanza ma sei in balia della crisi? Non hai uno stipendio per andare a Formentera? Non hai ferie retribuite? Sei disoccupato e stressato dalla vita caotica della metropoli? Stai rosicando perchè apri facebook e i tuoi amici postano foto in costume mentre tu stai schiattando sull’asfalto? Non disperare: Zona 22 è tua amica…l’Abruzzo fa per te! Uno degli stabili posti di fianco all’ex tracciato ferroviario, che divide Zona 22 dalla spiaggia, è costituito da una struttura su due livelli, con un ingresso a sé stante che si affaccia sull’orto. Al pianterreno troviamo una cucina con il caminetto, i servizi e una stanza con il forno a legna. Al piano superiore, due stanze arredate con letti e guardaroba. L’edificio è stato pulito, ridipinto, sia all’esterno che all’interno, e arredato. I servizi igienici sono stati resi agibili e la canna fumaria è stata pulita per permettere l’accensione del caminetto. Le finestre si affacciano sul mare da una parte, e sul giardino di Zona 22 dall’altra.

Questo slideshow richiede JavaScript.

All’interno di queste mura nasce l’OSTELLO DI ZONA 22, una struttura in grado di accogliere tutti coloro che desiderano sostare per uno o più giorni, con lo scopo di conoscere la bellissima Costa dei trabocchi e di prendere parte alle attività e ai laboratori che lo spazio sociale propone. La presenza di un ostello all’interno di Zona 22 offre la possibilità di un alloggio temporaneo a coloro che hanno voglia di sperimentare e sostenere pratiche di autogestione (lavori nell’orto biologico, manodopera per il restauro degli stabili, laboratori di autoproduzioni, workshop fotografici, concerti e teatro)all’interno del futuro Parco della Costa Teatina, a pochi metri dalla spiaggia di San Vito e della futura pista ciclabile, e a pochi kilometri dalle colline e dalle montagne abruzzesi.  Un progetto nato non con lo scopo di creare concorrenza alle attività ricettive presenti nel territorio (camping, hotel, B&B, appartamenti in affitto), ma al contrario come un qualcosa di differente, parallelo e del tutto compatibile. Non sono infatti previste figure professionali, profitti individuali, interessi privatistici né listini dei prezzi. Chi usufruirà dell’ostello lo farà per partecipare alla vita dello spazio sociale e del territorio che lo accoglie. Con un piccolo contributo (10 euro giornaliere a persona) riusciremo a recuperare le spese di gestione (luce, gas, lavanderia, etc) ed affrontare nuove spese per nuovi lavori di autorecupero e laboratori aperti a tutti Il progetto nasce dall’idea che la nostra costa sia un’area geografica da valorizzare attraverso un turismo ecocompatibile, rispettoso del territorio e delle persone che lo abitano nel corso dell’intero anno. L’obiettivo che ci si pone è di presentare alla cittadinanza una valida e inedita proposta di accoglienza, che sappia andare oltre il turismo di massa estivo che troppo spesso si riduce ad un susseguirsi di eventi caotici (sagre estive, feste patronali,etc) caratterizzati da un approccio puramente gastronomico, fine a se stesso. L’idea di sviluppare un progetto in grado di coniugare un’idea alternativa di turismo e un approccio più consono al territorio (inteso come insieme di cultura, socialità, gastronomia, enologia, tradizioni, produzioni locali, lavoro, ecosistema terrestre e marino), nasce dalla necessità di superare le attuali politiche comunali relative al turismo e all’ambiente. I nostri amministratori, infatti, sono portati a pensare che saranno nuove grandi opere, come il Resort Village e il porto turistico, le più idonee ad attrarre turismo. Al contrario, l’idea di turismo che a noi più convince è quella relativa ad un approccio meno invadente e più rispettoso per il territorio. L’ostello di Zona 22 rappresenta un progetto apripista per un’idea più ampia di “albergo diffuso” che potrebbe, all’interno del Parco della Costa Teatina, sostituire egregiamente il progetto faraonico del Resort Village, coinvolgendo in modo diretto la cittadinanza e dando nuova vita e anima a tutte le strutture in disuso, abbandonate e dimenticate, del territorio. Qui il dossier completo “Zona 22. Dal recupero alla riprogettazione”https://zonaventidue.files.wordpress.com/2014/04/zona-progetto-web_vers.pdf

Dati tecnici:

C’è la possibilità di:

  • cucinare e mangiare in ostello: sono a disposizione cucina, forno, frigo, pentole e stoviglie
  • fare la doccia calda al coperto o la doccia solare in giardino
  • utilizzare le biciclette autorecuperate dalla ciclofficina di Zona 22 per andare al mare e per uscire in paese
  • usare il giardino per prendere il sole sulle sdraio o per fare ginnastica
  • portare con sé il proprio cane
  • essere completamente indipendenti negli orari. Ognuno avrà la propria chiave per entrare e uscire

In cambio dell’ospitalità chiediamo solo alcune cose:

  1. fare la raccolta differenziata dei rifiuti
  2. portare da casa le lenzuola e gli asciugamani
  3. prenotare con un po’ di anticipo al numero 3331151359

PS: per chi viene per la prima volta: portate ciabatte comode dato che in spiaggia ci sono i sassi e una felpa dato che di sera c’è sempre freschetto! Noi la crisi l’anneghiamo…tutti al mare a Zona 22!!!

A Dicembre 2013 il Compagno Andrea Natale, denunciò un atto intimidatorio perpetrato nei confronti suoi e della sua famiglia.
In un appezzamento di terreno di proprietà gli vennero tagliati 29 alberi di ulivo, l’oro della nostra terra.
Non un elemento casuale, non una situazione banale, un vero atto mafioso, nei confronti di una persona e della sua famiglia, da sempre in prima linea per difendere il nostro territorio dalla speculazione e dai comitati d’affari.

Clicca per leggere l’articolo

 

Siamo arrivati a Maggio 2014 ed Andrea ci ha invitati a questa iniziativa, alla quale noi diamo la massima diffusione.

1904116_10202223499453802_7597092893258089893_n

 

Concluse le indagini con l’archiviazione, visto che non è stato possibile risalire ai responsabili del taglio dei nostri 29 ulivi, ci rimbocchiamo le maniche e armati della convinzione che ci anima per attuare un Mondo migliore di questo che ci è toccato in sorte di vivere RIPARTIAMO!
A 5 mesi dal vile attacco subito torniamo in CAMPO per pulire e dare degna sistemazione ai poveri ulivi barbaramente uccisi e iniziare la fase propedeutica alla nascita dell’Uliveto di Nazzareno, rilanciando e ribaltando in positivo il danno e il dolore subito.
L’Uliveto di Nazzareno diventerà luogo dove imparare l’importanza dell’Ulivo e di Un’Altra Agricoltura per la Nostra Regione (multifunzionalità, sostenibilità e riconoscimento del valore culturale e sociale del contadino/imprenditore agricolo).
Chi vuole darci una mano può farlo in due modi:
1 – venire con noi a pulire e sistemare gli ulivi tagliati (l’appuntamento è alle ore 8.15 davanti al Bar “da Paola” a Fossacesia Marina, SS 16 Adriatica, civico 87);
2 – venire a festeggiare l’inizio della prima fase dell’Uliveto di Nazzareno portando qualcosa da casa per un pic-nic solidale per “nutrire” e ricompensare i lavoratori (appuntamento alle 13.30 nel Piazzale della Stazione Ferrioviaria Fossacesia-Torino di Sangro).

N.b. – chi vuole venire ad aiutarci in campo è pregato di venire munito di guanti e scarpe da lavoro e vestito adeguatamente per i lavori in campagna, avvisando a mezzo facebook o telefonicamente con sms al 339.1040613 (sarete poi ricontattati)

N.b. 2 – chi vuole venire a festeggiare con il pic-nic portandoci beni di conforto è pregato di avvisare o a mezzo facebook o telefonicamente con sms al 339.1040613 (sarete poi ricontattati)

Evento Facebook

Ferrovie dimenticate? Non da noi.
Zona 22, dall’abbandono all’autorecupero.

Iniziativa a cura di: Associazione La Locomotiva.
Tratta interessata: Ex tracciato Ortona – San Salvo.
Punto di ritrovo: Zona 22, Via Caduti sul Lavoro, 4 San Vito Marina.
Orario: 15.00.
Descrizione: h.15.00 Artisti locali: apertura esposizione ed estemporanea pittura, scultura e fotografia; Esposizione opere dei bambini e delle bambine delle scuole elementari del comune di San Vito Chietino; Writers in action. h 17.30 Dibattito aperto: Ripensando il progetto della Via Verde all’interno del Parco della Costa dei trabocchi. Riappropriazione e riqualificazione delle strutture pubbliche delle Rfi, l’esempio di Zona 22. Presentazione del progetto “Zona 22. Lo spazio dimenticato. Dal recupero alla riprogettAzione”.

zonaventidue@gmail.com – zonaventidue.wordpress.com – Tel. 329 1886806.

Giornata Ferrovie Dimenticate 2013

Evento Facebook

Rassegna cinematografica a cura di Mirko Di Nella alias il De-Romantico

1653624_518240731622738_1273422216_n Giovedì 20 Febbraio parte la rassegna cinematografica de Il De-Romantico che ci terrà compagnia tutti i giovedì fino al 3 Aprile. Zona 22 è lieta di poter dare spazio ad un altro dei giovani culturalmente impegnato del nostro territorio, Mirko Di Nella, lancianese doc, che da anni si diletta nella critica cinematografica e musicale. I film saranno presentati da Mirko alias Il-Deromantico prima della proiezione e ci sarà la possibiltà, per chi lo volesse, di dibattere a fine film. Evento Facebook

ferrovie-dimenticate14

Ferrovie dimenticate? Non da noi.
Zona 22, dall’abbandono all’autorecupero.

Iniziativa a cura di: Associazione La Locomotiva.
Tratta interessata: Ex tracciato Ortona – San Salvo.
Punto di ritrovo: Zona 22, Via Caduti sul Lavoro, 4 San Vito Marina.
Orario: 15.00.
Descrizione: h.15.00 Artisti locali: apertura esposizione ed estemporanea pittura, scultura e fotografia; Esposizione opere dei bambini e delle bambine delle scuole elementari del comune di San Vito Chietino; Writers in action. h 17.30 Dibattito aperto: Ripensando il progetto della Via Verde all’interno del Parco della Costa dei trabocchi. Riappropriazione e riqualificazione delle strutture pubbliche delle Rfi, l’esempio di Zona 22. Presentazione del progetto “Zona 22. Lo spazio dimenticato. Dal recupero alla riprogettAzione”.

zonaventidue@gmail.com – zonaventidue.wordpress.com – Tel. 329 1886806.

 

Giornata Ferrovie Dimenticate 2013

Evento Facebook